Accesso a Cortina

L’intervento di miglioramento della viabilità di accesso all’abitato di Cortina confluirà nel più ampio progetto della Variante di Cortina inclusa tra le opere previste per le Olimpiadi 2026 Milano-Cortina.

La variante di accesso all’abitato di Cortina ha una lunghezza di 927 m e prevede la realizzazione di 3 rotatorie per la connessione alla viabilità esistente.
La variante propone percorsi esterni al centro urbano per il traffico di attraversamento, finalizzati a un miglioramento dell’accessibilità all’interno del nucleo abitato di Cortina attraverso un accesso diretto ai parcheggi.
L’obiettivo è ricostruire la mobilità pedonale nel tessuto urbano, eliminare le strozzature viarie e dare una risposta sia alle esigenze dei residenti sia a quelle del turismo, anche in previsione della futura realizzazione dei nuovi impianti di risalita.
L’investimento complessivo di Anas è di circa 30 milioni di euro.

Il 22/05/2018 il Ministero dell’Ambiente ha espresso parere con la richiesta di assoggettare il progetto a Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), che è stata avviata a dicembre 2018 e si è conclusa il 02/09/2020.

San Vito di Cadore

La variante di San Vito di Cadore prevede un asse viario a valle del centro abitato, tra la statale e il torrente Boite, della lunghezza di 2.400 metri. Il percorso della variante è stato ottimizzato rispetto alle prime ipotesi di intervento, modificando l’innesto sulla statale 51 con una rotatoria al km 90,350 e una al km 92,500.
Su questo intervento Anas ha recepito la proposta di tracciato da parte del Comune di San Vito di Cadore, prevedendo di bypassare anche la frazione di Resinego.
L’investimento complessivo di Anas è di circa 28 milioni di euro.

Il 27/03/2018 il Ministero dell’Ambiente ha espresso parere con la richiesta di assoggettare il progetto a Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), che è stata avviata a dicembre 2018 e si è conclusa il 02/09/2020.

Il 21 dicembre 2020 si è tenuta la Conferenza di Servizi, conclusasi positivamente alla quale ha fatto seguito il decreto del Commissario del 13 maggio 2021 di approvazione progetto.

Valle di Cadore

La variante di Valle di Cadore prevede la soluzione di un tracciato in galleria di circa 600 metri, con intersezione a rotatoria, a beneficio di una maggiore valorizzazione del centro abitato.
L’investimento complessivo di Anas è di circa 32 milioni di euro.

Il 16/05/2018 il Ministero dell’Ambiente ha espresso parere con la richiesta di assoggettare il progetto a Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), che è stata avviata a dicembre 2018 e si è conclusa il 22/07/2020.

Il 22 dicembre 2020 si è quindi svolta la Conferenza di Servizi che si è conclusa positivamente a febbraio 2021.

Il 3 giugno 2021 è stato quindi pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto di approvazione del progetto.

Tai di Cadore

La variante di Tai di Cadore prevede un’ipotesi di tracciato in galleria della lunghezza di oltre 900 metri con raccordi sulla viabilità esistente tramite rotatoria. La soluzione individuata, intermedia per lunghezza del tracciato rispetto alle prime soluzioni progettuali, tiene conto delle indicazioni pervenute dal territorio rispetto al nuovo innesto sulla statale. L’investimento complessivo di Anas è di circa 32 milioni di euro.

Il 28/03/2018 il Ministero dell’Ambiente ha espresso parere con la richiesta di assoggettare il progetto a Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), che è stata avviata a dicembre 2018 e si è conclusa il 02/09/2020.

Successivamente, il 31 marzo 2021 si è aperta la Conferenza di Servizi.